GRAFFIARE CON LA PENNA: L’INCHIOSTRO CORROSIVO DI KARL ARNOLD

Il caricaturista tedesco Karl Maximilian Arnold, noto per o suoi disegni satirici sulla rivista “Simplicissimus” – che siglava con le iniziali KA – era nato a Neustadt, nei pressi di Coburgo, il primo aprile 1883. Particolarmente attivo nel primo dopoguerra, cioè negli anni che precedono l’avvento del nazismo, muore a Monaco di Baviera il 29 novembre 1953.

Nel 1978 la Regione Piemonte, in collaborazione con il Goethe Institut di Roma, organizzò una mostra dedicata a Karl Arnold e ai suoi disegni tra la fine del primo conflitto mondiale sino all’ascesa di Hitler, tenutasi nel capoluogo pedemontano e nella Capitale, qui a cura di Pia Vivarelli. Con l’occasione viene pubblicato il catalogo Karl Arnold. Politica e società nella Repubblica di Weimar 1918-1933, Torino 1978. A Roma la mostra si tenne alla Galleria d’Arte Moderna (18 ottobre-19 novembre 1978) nello stesso autunno di quell’anno, subito dopo l’allestimento alla Camera di Commercio di Torino (21 settembre-8 ottobre 1978).

I suoi erano gli anni del Bauhaus, dell’Espressionismo e delle Avanguardie, la stagione di una Berlino e di una Monaco culturalmente vive e stimolanti, prima che sulla Germania si allungassero le funeste ombre dei vessilli con le croci uncinate.

I suoi esordi furono su testate di stampa illustrata come “Die Jugend” e “Die Illustrierte Presse”, per passare nel 1907 al prestigioso “Simplicissimus”, che poteva vantare le firme di Hermann Hesse, Thomas Mann o Rainer Maria Rilke e negli anni del dopoguerra svolse apertamente campagna contro il Trattato di Versailles. Karl Arnold, forte di una formazione artistica da pittore, mise a frutto l’abilità della sua mano nel disegno specializzandosi in vignette umoristiche, caricature e fumetti. Aveva studiato a Parigi dove nel 1909 conobbe colei che sarebbe diventata sua moglie e la madre dei suoi quattro figli: la danese Anne-Dora Volquardsen, disegnatrice e ritrattista anch’essa.

L’influsso espressionista tedesco, con uno sguardo rivolto a Rops, Ensor o alle copertine francesi del Kupka di primo Novecento, è temperato in filigrana da una connaturata eleganza grafica e sottigliezza di linea. Bersaglio dei suoi strali tanto la borghesia europea con i suoi attaccabili vizi, quanto il militarismo o le ingordigie bolsceviche e britanniche e, come molti autori del tempo, da subito colse il lato tragicamente allucinato e farsesco di Adolf Hitler; anche se la sua parodia del Führer sembra edulcorata e bonariamente sarcastica (ben lontana dal tratto corrosivo di un Grosz che lo rappresenta come un arcigno e anacronistico Sigfrido o, peggio ancora, come Caino all’Inferno).

Tant’è che dopo il 1933, quando le camicie brune guadagnarono il potere, al “Simplicissimus”, accusato di simpatie giudaico-massoniche, molti – come Thomas Heine e Walter Trier – persero il posto e furono costretti a lasciare la Germania. Karl Arnold continuò la sua attività in redazione disegnando, durante la Seconda Guerra Mondiale, tavole via via meno graffianti nei confronti del regime, finché nel 1944 la testata è comunque costretta a chiudere. Ma già dal 1942 per motivi di salute Arnold aveva dovuto rallentare la sua attività.

Nel periodo postbellico l’artista si trasferisce negli Stati Uniti dove visse sino al 1953, anno del suo rientro in Germania e della sua morte quando era appena settantenne.

simplicissimus 1914

K.A. Parodia della Esposizione Werkbund a Colonia del 1914, Simplicissimus 1914

simplicissimus 1914 fumetto

K.A. Parodia della Esposizione Werkbund a Colonia del 1914, Simplicissimus 1914

1918

K.A. Voci di offensiva inglese, Simplicissimus 1918

1919

K.A. Simplicissimus 1919

1925

K.A. Simplicissimus 1925

lotte karl arnold 1925

K.A. Lotte al bivio, Simplicissimus 1925

il fascio 1926

K.A. Il Fascio, Simplicissimus 1926

1928 simplicissimus

K.A. copertina, Simplicissimus 1928

1929

K.A. Hollywood e cinema russo, Simplicissimus 1929

1930

K.A. Simplicissimus 1930

1932

K.A. Simplicissimus 1932

Karl Arnold 1932

K.A. Simplicissimus 1932

1934

K.A. vignette, Simplicissimus 1934

KA 1934

K.A. Simplicissimus 1934

1937

K.A. Simplicissimus 1937

1940 albione

K.A. Albione padrona del mare, Simplicissimus 1940

Supra

Karl Maximilian Arnold ritratto da Albert Veisberger, 1906

Grosz 1923

George Grosz: Hitler come Sigfrido, copertina di Die Pleit, 1923

1978

1978: copertina del catalogo della mostra, Torino-Roma 1978

2012

2012: Karl Arnold. Disegnatore del Simplicissimus

Bibliografia

AA.VV., Karl Arnold. Politica e società nella Repubblica di Weimar 1918-1933, Torino 1978

Karl Arnold. Zeichner des Simplicissimus, a cura di A. Stroble, Deutscher Kunstverlach, München 2012

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...